Sposarsi ai tempi del Covid: si può fare, parola di sposa

Martedì 9 marzo 2021

come sposarsi con covid

Il post di oggi è un po' particolare perché è scritto a più mani.

Sai come la penso su questa cosa del Covid: ci siamo in mezzo e dobbiamo conviverci al meglio delle nostre possibilità.

Questo, secondo me, riguarda anche il modo di vivere il giorno del matrimonio, a costo di ridurre drasticamente il numero degli invitati (di inviti e invitati ti parlo anche nel mini-corso gratuito “Mi sposo! E adesso?” in regalo con la newsletter).

Ma questa è la mia opinione e capisco che possa sembrare che parlo facile, tanto io mi sono già sposata e non sono io che devo fare i conti con “tutto questo”.

E' vero che i matrimoni non sono i miei ma credimi che ci tengo come se lo fossero e mi interessa il benessere di tutti, sposi e invitati.

Sono tra due fuochi e anche di più, perché so cosa sta succedendo ai fornitori del settore e ai nervi degli sposi e so che non è possibile rimandare in eterno centinaia di eventi per una seconda volta.

Quindi credo che, decreti permettendo, sarà necessario scendere a compromessi e festeggiare i matrimoni con delle regole in più da seguire.

In tutto questo ci vedo almeno il vantaggio di arrivarci più preparati di ciò che è stato lo scorso anno. Forse ce lo dimentichiamo ma ci sono state coppie che si sono trovate la pandemia tra i piedi ad un mese dalle nozze!

Eppure la scorsa estate i matrimoni ci sono stati, con le mascherine e tutti gli accorgimenti del caso (non facciamo gli ipocriti: non tutti hanno rispettato le regole!) ma ci sono stati.

E com'è andata? Te lo faccio raccontare da tre spose del 2020, che hanno deciso di non rinunciare al loro sogno e ora condividono con te quello che è stato.

Irene

Leonardo, oggi mio marito, mi ha chiesto di sposarlo nel dicembre 2019. Nel giro di un mese avevamo scelto location (e conseguentemente la data, il 25 settembre 2020), fotografi, catering, fiorista; è stato tutto velocissimo e incredibilmente facile (lo ammetto, sono una maniaca del controllo) fino alla fine di febbraio.

Le prime settimane di lockdown mi sono servite per organizzare nei dettagli il nostro viaggio di nozze (ahimè poi cancellato) e non pensavo poi tanto al lungo termine. Più passavano le settimane, però, e più cresceva l’ansia, aumentata anche da alcune persone intorno a noi che non la vedevano positivamente e continuavano a dire “io rimanderei all’anno prossimo, così potrete avere un matrimonio normale! Tanto, cosa vi cambia aspettare?!” E così abbiamo fissato una “data paracadute” per il 2 aprile 2021 che, per fortuna, non abbiamo scelto.

A giungo, Leo ed io abbiamo deciso di comune accordo di confermare il 25 settembre, consapevoli che non sarebbe stato facile e che gli imprevisti sarebbero potuti essere dietro l’angolo. Sono una professionista sanitaria e avevo compreso (forse prima di altri) che la situazione sarebbe durata a lungo e che, probabilmente, la situazione nel 2021 non sarebbe stata migliore, anzi. Così abbiamo deciso di fare “all in” e abbiamo vinto! Abbiamo ingranato la quinta e siamo andati a tutta velocità per procedere con i preparativi.

Lo confesso, organizzare un matrimonio durante una pandemia mi è costato una gastrite, ma ne è valsa la pena e lo rifarei. Siamo stati davvero bravi, abbiamo organizzato tutto nella massima sicurezza possibile (anche se il rischio zero non esiste) e comunicare in anticipo le accortezze in tema di gestione sanitaria ai nostri ospiti si è dimostrato vincente. 

Una parte di me ha iniziato a capire che stava arrivando veramente il grande giorno, e che non sarebbe saltato tutto per aria, solo un paio di settimane prima. Il giorno del nostro matrimonio è stato il giorno più bello (finora) delle nostre vite. È stato come lo desideravamo, nonostante le mascherine e il distanziamento. Me lo sono goduta a pieno, tranquilla e felice. Ho persino dormito la notte prima del matrimonio!

Neanche le incertezze legate al meteo ci hanno scoraggiati (in confronto alla pandemia, cosa vuoi che sia la pioggia!!), tant’è che poi siamo stati ribattezzati dai fornitori “gli sposi del vento”.

Il desiderio di amore, condivisione, affetto e sincerità era fortissimo e lo si leggeva negli occhi di tutti. Era come se tutti avessimo bisogno (non solo noi sposi) di un lieto fine. Quel giorno ho abbracciato il mio papà, ed è stata l’unica volta da un anno a questa parte.

Poi sono arrivate le foto del matrimonio: i nostri fotografi, per quanto eccezionali, non hanno potuto cancellare le mascherine dai volti dei nostri cari, ed stato come ricevere un piccolo graffio al cuore. Ma ne è valsa la pena, perché la sicurezza dei nostri ospiti era più importante. Leonardo ed io siamo riusciti, credendo fino in fondo nelle nostre idee, a ricavare tutto ciò che potevamo dal 2020 e abbiamo fatto un grande passo avanti nel nostro percorso insieme.

Alle spose 2021 (o ex 2020) dico: ce la potete fare. Se il vostro desiderio è davvero sposarvi allora dovrete scendere a compromessi. Fatevi un bel pianto, arrabbiatevi, rompete un piatto contro il muro se serve (l’ho fatto anch’io), ma poi rialzatevi e siate forti. Tutti siamo stati toccati, in varia misura, dalla pandemia. Non la possiamo più chiamare però “emergenza”, perché ormai è la nostra realtà. Ma non sarà questo a fermare la poesia, l’amore, i sogni e la magia. Scoprirete lati nascosti di chi vi sta accanto (compagno/a, genitori, testimoni, amici) e vi renderete conto di quanto siete fortunate.

Vi auguro il meglio, di cuore.

matrimonio covid

Ylenia

Il nostro matrimonio era fissato per il 2 maggio 2020, arrivata la metà di marzo, ci siamo resi davvero conto che in tutta probabilità non avremmo potuto farlo e per noi è stato un duro colpo. Perché era una cosa desiderata da molto tempo, dopo 14 anni che stavamo insieme e dopo il nostro bimbo di 4 anni...insomma, una scelta presa quando la vita ci ha permesso di poter affrontare serenamente le spese di un matrimonio ben fatto!

Abbiamo deciso quindi di rimandare il tutto al 10 ottobre, mantenendo i medesimi fornitori. Eravamo convinti che entro ottobre sarebbe tutto passato! E invece...no!!!

Abbiamo fatto tutto comunque: una giornata indimenticabile! Per tutti! Perché è un po' come se il nostro amore non abbia potuto fermarsi nemmeno con una pandemia, perché tutti i nostri invitati avevano comunque bisogno di allegria, di serenità, di spensieratezza, di condividere dei bei momenti, di festeggiare, di stare insieme ad altre persone, ovviamente nel rispetto di tutte le normative.

Nonostante le mascherine, e i distanziamenti, possiamo dire di averlo vissuto comunque con molta emozione! Saranno anche mancati gli abbracci veri, ma le parole, gli sguardi, la complicità, tutto questo, è stato anche di tre volte più intenso, rispetto alla "normalità"!

Quindi, se una coppia lo desidera davvero, se l'amore vince davvero su tutto, perché farsi fermare da delle mascherine e dai distanziamenti?

Nessun nostro ospite si è lamentato di ciò perchè diciamocelo: ormai rientra nella nostra normalità, che proseguirà per non si sa neanche quanto. Quindi, godiamocela, anche se in maniera diversa!

Giulia

Mi sono sposata ad agosto 2020 ed é stato bellissimo, diciamo anche che a livello di contagi era un momento più roseo rispetto a quello attuale ma credo che il sentimento se c’è sia più importante di tutto, festa compresa. Sognavo il matrimonio da favola, ma come ben sapete l’imprevisto é dietro l’angolo e per quanto uno provi ad avere piani A, B e C non tutto si può prevedere.

Quando è arrivato il Covid abbiamo pensato a lungo se fosse meglio rimandare a quest’anno ma lavorando in ospedale temevo la situazione non si sarebbe risolta nemmeno nel 2021 e poi ci siamo detti: ci amiamo, abbiamo accanto le persone a cui teniamo che alla fine é la cosa più importante. Rimandando non avremmo avuto al nostro fianco persone a noi care che sono venute a mancare...credo che questo conti più di tutto.

Le restrizioni alla fine non hanno intaccato la giornata, tutto é stato gestito benissimo quindi nulla è stato sacrificato secondo me!

Spero tanto che questi racconti ti possano aiutare a vedere tutto un po' più realizzabile di come ti sembra ora.

E spero ancora di più di ricevere un tuo messaggio, tra qualche mese, in cui mi dirai che alla fine ti sei sposata nel 2021 e che è stato il giorno più di bello di sempre.

covid organizzare matrimonio

Non perderti gli aggiornamenti!

Iscriviti subito alla newsletter!

Aspetta! C'è dell'altro!

Hai trovato interessante questo articolo? Lasciami un commento!

Images Credits: Unsplash

Sono Valeria Ferrari, wedding planner, e sono qui per organizzare il vostro grande giorno. Leggi di più...

I MIEI POST PIÙ LETTI
Vai alla raccolta

IN REGALO PER VOI
Il mio eBook gratuito
Mi sposo, e adesso?
IL MIO CORSO IN AULA
Wedpreneur Weekend

per i professionisti
del mondo wedding

BRIDAL STARTER KIT
TROVA NEL BLOG